La convivenza

Accanto alla famiglia legittima fondata sul matrimonio ed esplicitamente riconosciuta dall’art. 29 della nostra Costituzione, si pone la famiglia di fatto: quell’unione tra soggetti di sesso diverso in cui manca il vincolo matrimoniale e che si basa sull’affetto e sul reciproco rispetto dei doveri familiari.

Questa forma di convivenza, per poter avere giuridica rilevanza, presuppone una certa stabilità e serietà di intenti. Più precisamente la giurisprudenza della Corte di Cassazione ha specificato che, al fine di distinguere tra semplice rapporto occasionale e famiglia di fatto, si deve tenere soprattutto conto del carattere di stabilità del rapporto, carattere che conferisce certezza al rapporto stesso e lo rende rilevante sotto il profilo giuridico.