Un borgo per cantare, un borgo per suonare

Giovani provenienti da diverse parti d’Italia si sono incontrati per condividere una passione : la classica vespa con la quale “passeggiare per sentieri naturalistici, andare in città , al mare, portare in giro la propria ragazza”.
Tra proiezioni di foto, filmati e musica rock, la notte delle stelle è stata occasione per fare un tuffo nel passato: gioventù di una volta in jeans, camicia ammanicata, birra, tanta voglia di chiacchierare per strada, di viaggiare, di divertirsi in “maniera pulita” .
Gruppi di giovani che attendevano con pazienza di entrare nelle sale cinematografiche o aspettavano gli amici fuori i pub di una volta, raduni di “bande, di gangs” definite tali anche perché si era in gruppo senza che si attuassero comportamenti devianti.
Un borgo per cantare, un borgo per suonare ed anche un borgo per sognare hanno caratterizzato la notte delle stelle di questo 11 agosto 2010.
Una notte di stelle ma senza quelle cadenti, alla ricerca di un angolo per poter essere romantici; qualcuno ha preferito ammirare con il naso in su il manto blu dal proprio balcone con un po’ di musica di sottofondo e c’è chi invece ha sognato sogni impossibili perché stanco di essere “conformista” e credere che i magici momenti possano essere concentrati in una sola e specifica notte.
Sogni di una notte, quelli dell’11 agosto 2010, la notte di S.Lorenzo, per molti speciale, per altri una notte uguale alle altre.

Emanuela Cimmino

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.