Nel fantastico mondo delle favole

C’è un mondo diverso,

che è posto di traverso,

un mondo secondario,

abitato da un popolo vario,

che è fuori dall’ordinario.

1)E così che inizia la tua poesia, il mondo della fantasia il suo titolo, cosa sarebbe il mondo senza la fantasia? E qual è il tuo secondario mondo immaginario?

E’ un dono meraviglioso la fantasia . Senza di essa il mondo non avrebbe colore, sarebbe spento, piatto . La Fantasia, il sogno, è un bisogno, una medicina per l’anim , un balsamo per il cuore .

Ci puoi arrivare con il pensiero,

ma esser lì non puoi davvero

e nessuno finora può esserci stato,

perché si tratta di un mondo inventato.

2)Permane spesso, per quanto si possa sognare, l’amarezza che quel mondo fantastico non esiste per davvero, allora che senso ha raggiungerlo con il pensiero ? e se mai nessuno ci è stato , come si fa a descriverlo e raccontarlo?

Quello dove le emozioni possono viaggiare all’unisono con la fantasia, quella tipica di ogni artista … un’isola che non c’è …

È il mondo della fantasia,

che ti fa volare via,

immaginando o leggendo

su libri di fiabe

di maghi, di draghi,

di orchi affamati,

castelli stregati,

e tanti altri personaggi,

che superando ostacoli ed impedimenti

alla fine son sempre felici e contenti.

3)Nelle fiabe e nelle favole il finale è che tutti vissero felici e contenti, ma nella realtà esiste la felicità? E come poter spiegare ai bambini che quel essere sempre felici e contenti non sempre appartiene al mondo reale?

La felicità esiste, certo! Perchè non dovrebbe appartenere a questo mondo? E’ un ‘sentire’, non un ‘avere ‘, nel senso di ‘avere molto’ … è nelle piccole cose : ci si può sentire felici guardando un tramonto o il viso dell’altro … non è ‘eterna’, invariata, perfetta come quella delle fiabe, ma c’è.

In modo fiabesco docile ma veritiero…un po’ ed un po’…non toglier loro i sogni ma preparar le radici per farli restare attaccati al terreno…

4)Marylon e la sua scommessa, Favole in fiore , fior di favole , nuovamente in edicola, il 10 febbraio, presso l’Agorà di Giugliano-Na, si è tenuta la sua presentazione, quali i sentimenti, le sensazioni, le aspettative?

Ho riproposto dopo dieci anni dalla sua nascita il mio libro, il 10 febbraio scorso … è stato un evento bellissimo. Le parole hanno riecheggiato in un magico luogo, la Vineria Agorà di Giugliano che come un’antica locanda ha accolto nel suo tepore belle persone venute da ogni dove ad ascoltare le favole in fiore, mentre fuori imperversava una bufera di neve … no, sto esagerando … ma il ‘tempaccio’ c’era davvero!

Mi aspetto che le favole in fiore sortiscano con la loro capacità di attrattiva, frutti virtuosi, buoni propositi per grandi e piccini … sì anche per i grandi, perchè destino in loro emozioni sopite e li convincano a riprendere i sogni!

5) Il tuo libro tradotto in 6 lingue, italiano, tedesco, spagnolo , portoghese, francese ed inglese, soddisfatta? Quale il segreto del successo di Favole in fiore e quali le novità?

Bè, magari … grazie! Ma ad essere tradotti in più lingue sono stati solo alcuni brani e non l’intero libro
Il segreto del mio ‘Favole in fiore’ sta nella sua musicalità, dolcezza, spensieratezza. Un’altra particolarità è che esso coniuga insieme due esperienze che per i bambini possono essere assolutamente preziose perché introduce il bambino in un mondo di fiaba e nel contempo gli offre un’esperienza di poesia e la fiaba diventa terreno di cultura all’interno del quale far crescere la sua esperienza poetica.

6) quale il tuo prossimo passo?continuerai a scrivere?

Continuerò a scrivere con la speranza di allietare e di … farmi notare cioè di ricevere ulteriori riconoscimenti ( quello che desidererebbe ogni Artista!)

Emanuela Cimmino
www.eduprof.it

Riferimenti

Maria Rosaria Longobardi “Favole in fiore…fior di favole” – Ed.La Mongolfiera

www.lauraproperzi.it

http://www.youtube.com/watch?v=9oN3NIQKW5U
Favole in fiore di MariaRosaria Longobardi – Globuli Azzurri

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.