Le Aquile a Bacoli

2)Come ne sei venuta a conoscenza? Ho conosciuto il Presidente ad un corso professionalizzante per “Addetto Paghe e Contribuiti”.

Ha ascoltato le mie esigenze su lavorare sul territorio dei Campi Flegrei sotto il profilo turistico e subito mi ha eletta segretaria.

3)Quali i tempi, le modalità di partecipazione, di organizzazione e gestione degli eventi?

Beh, dipende dall’evento, dalla manifestazione. Se gli eventi si svolgono sul Comune di Napoli, ci vengono comunicati dal Presidente della sezione di Napoli circa 10 giorni prima dell’evento stesso, e quindi nel giro di una settimana ci si riesce ad organizzare.
Nel caso che gli eventi si svolgano nel territorio dei Campi Flegrei, in particolare modo nel Comune di Bacoli e Monte di Procida, i tempi per organizzarsi possono anche essere dimezzati.

Chi gestisce i compiti e gli eventuali turni?

I compiti e i turni generalmente vengono scelti insieme a tutti i volontari, in base alle loro esigenze. Un volta concordati vengono gestiti dal Presidente e dalla segretaria.

4)Le vecchie e le nuove esperienze, quale quelle più immemorabili e significative?

Come vecchie esperienze, ne può parlare in primis il Presidente Vincenzo Marotta.
Le esperienze più immemorabili sono state senza ombra di dubbio: Operazione Cassandra, ovvero una simulazione di ritrovamento dispersi, che ha aiutato molto a formare i volontari in questo ambito; e l’attività di Pulizia e bonifica del Lago Miseno, in quanto le Aquile Bacoli, cercano di mettersi in primo piano sull’argomento ambiente.
Come nuove esperienze, posso parlarne anche io, la più bella è stata collaborare con il Comune di Napoli, per l’evento dell’America’s Cup; ma è molto più divertente e stimolante collaborare attivamente alla pulizia delle varie spiagge del nostro territorio.

5)Sensibilità, altruismo, capacità d’ascolto, flessibilità, quali le competenze tecniche e professionali che un’Aquila deve poter possedere?

Ogni Aquila è diversa dall’altra, ogni volontario ha competenze diverse, ma insieme ci completiamo. C’è chi è più sensibile sull’aspetto sociale, chi sull’argomento ambiente, chi ha esperienza di primo soccorso e chi ha voglia di imparare dagli altri. C’è chi ama gli animali e c’è chi ama far baldoria. Siamo insomma un mix ben composto.

6)Come ogni associazione, diverse sono le difficoltà e gli ostacoli non solo per farsi conoscere ma soprattutto per operare, le Aquile in cosa non riescono a prendere il volo?

Essendo un’Associazione nata da poco, le difficoltà di certo non mancano, ma con la volontà di ognuno di noi, cerchiamo di superarle.Essendo un’associazione no-profit, abbiamo piccoli problemi economici, anche stupidi, come poter permetterci delle divise nostre.Ogni volontario ha pagato di propria tasca la maglia estiva, mentre i pantaloni e le giacche ci sono state donate dal corpo dei Vigili del Fuoco.
Ma il “problema divisa” è solo uno dei problemi, vorremo acquistare un’ambulanza per poter far partire anche i servizio di tutela del cittadino disabile, in quanto alcuni di noi hanno il brevetto di primo soccorso.

7)I sogni, i progetti delle Aquile : quali quelli più vicini? e quali quelli più lontani?

Abbiamo tanti sogni e tanti progetti. Il nostro intento principale è quello della salvaguardia ambientale. Le Aquile oltre a tutelare il cittadino, vuole tutelare il territorio circostante. Collaboriamo con il Comune di Bacoli e di Monte di Procida e ovviamente con la Pro Loco, per tutti gli eventi e le manifestazioni. A breve, con l’avvento dell’estate, collaboreremo con loro per varie manifestazioni gastronomiche e culturali. Mentre già da mesi, collaboriamo con altre associazioni ambientaliste per la pulizia delle varie spiagge che ogni anno vengono sporcate dal turista mordi e fuggi.
Il nostro sogno è di poter dare assistenza a persone disagiate, dalla cosa più semplice, come portare la spesa a casa ad accompagnarli dal medico o a fare una passeggiata.

Emanuela Cimmino

Intervista rilasciata da Rosanna Cimmino

www.eduprof.it

http://leaquilebacoli.altervista.org/

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.