Fecondazione medicalmente assistita-Dott.ssa Emanuela Cimmino

PERCHE’ Sì, COSA E’ LA FECONDAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA?

La fexondazione assistita è l’aiuto la scienza offre a coppie che non possono avere figli. Può inoltre aiutare coppie fertili ma portatrici di malattie ereditarie o infettive a far nascere bambini sani.
Il referendum riguarda solo alcuni punti della legge n°40 voluta dal governo di centrodestra nel 2004. In particolare si chiede la modifica della legge su 4 temi specifici: la salute della donna, l’equiparazione dei diritti del concepito e quelli della donna, la libertà di ricerca scientifica e la cosiddetta fecondazione eterologa (cioè la fecondazione realizzata grazie a un donatore o donatrice esterno alla coppia). Si è giunti ai referendum perché il centrodestra si è opposto in Parlamento a qualsiasi modifica della legge, respingendo gli oltre 350 emendamenti migliorativi che erano stati presentati anche a nome di importanti esponenti della comunità scientifica.

1° referendum sulla libertà di ricerca scientifica

Ogni anno che passa la nostra speranza di vita si allunga anche perché medici e scienziati, instancabilmente, cercano e trovano nuove terapie per malattie gravissime che un tempo non si potevano curare. Una legge non può impedire che questa ricerca proceda anche al fine di guarire chi vive con la sola speranza di una terapia nuova per il suo male. Votando Sì al primo referendum sarà di nuovo possibile per i ricercatori usare cellule staminali prelevate da embrioni congelati non utilizzati (vale a dire cellule che, debitamente orientate, sono capaci di moltiplicarsi consentendo la cura di una serie di organi vitali). La ricerca su queste cellule è considerata decisiva per la cura di malattie gravissime come il Parkinson, il diabete, la sclerosi, il morbo di Alzheimer, i tumori. Soltanto in Italia è un problema che investe circa 12 milioni di persone alle quali non è giusto sottrarre una speranza fondata di cura, guarigione e futuro.

2° Referendum sulla salute della donna
Ogni coppia che ricorre alla fecondazione assistita lo fa dopo una lunga riflessione e, facendolo, compie un atto d’amore. La donna che vuole mettere al mondo un figlio è chiamata ad affrontare un percorso impegnativo, sul piano fisico e psicologico. Il secondo referendum ha l’obiettivo di aiutarla a vivere serenamente e nella sicurezza ogni passaggio del suo desiderio di maternità. Come? In cinque modi: Consentendo l’accesso alla fecondazione assistita anche alle coppie fertili che rischiano di trasmettere al figlio malattie genetiche ereditarie o infettive. Non imponendo per legge il trasferimento dell’ovulo fecondato nel corpo della donna in assenza di un suo rinnovato consenso. Permettendo alle coppie portatrici di malattie genetiche l’esame dell’embrione (la cosiddetta analisi preimpianto) prima del suo trasferimento nell’utero della donna. Questo per evitare l’assurdità e la violenza (anche psicologica) dell’impianto di un embrione malato e il conseguente ricorso a un aborto terapeutico. Consentendo il congelamento degli embrioni prodotti con le tecniche della fecondazione assistita. L’attuale divieto obbliga la donna a sottoporsi, in caso di insuccesso, a più cicli di trattamento con possibili danni per la sua salute. La conservazione degli embrioni eviterebbe questa situazione e garantirebbe alla donna il migliore trattamento possibile senza obbligarla a ricominciare sempre daccapo. Revocando l’obbligo di fecondare un numero massimo di tre ovuli, tutti da trasferire contemporaneamente. Quest’ultimo punto è di enorme rilievo: ogni donna ha una storia, un’età e condizioni psico-fisiche diverse. Non si può impedire al suo medico e a lei stessa di valutare come è meglio procedere nell’utilizzo delle tecniche di fecondazione. Imporre per legge il numero di embrioni da trasferire è una scelta assurda e rischiosa perché una ragazza di vent’anni o una donna di quaranta avranno, per ovvie ragioni, esigenze terapeutiche diverse.

3° Referendum sull’equiparazione dei diritti del “concepito” e quelli della donna

Questo è un punto decisivo. La norma attuale assicura “al concepito”, a partire dall’ovulo fecondato, ancor prima che si formi l’embrione, gli stessi diritti e la stessa tutela giuridica della madre o di un’altra qualsiasi persona nata. E’ la prima volta che questo avviene nelle nostre leggi. Ciò perché si è voluto imporre un solo punto di vista, una sola etica di parte. Si è violato così il principio di una laicità dello Stato, ricca di pluralismo etico e culturale. Le conseguenze di questa decisione sono soprattutto concrete e investono la vita di milioni di persone. Facciamo un esempio: se la legge stabilisce che “il concepito” ha gli stessi diritti di una persona nata, il medico non potrà fare nulla nel caso di un embrione con una grave patologia trasmessa geneticamente. Infine affermare, che “il concepito” ha eguali diritti della madre può divenire la premessa per mettere in discussione radicalmente la legge 194 sull’interruzione volontaria della gravidanza, legge che ha prodotto l’esito positivo della riduzione degli aborti in Italia.

n°4 Referendum sulla fecondazione eterologa

Bisogna fare una premessa: alla fecondazione eterologa si ricorre solamente in casi gravi di sterilità. Detto ciò, poniamoci una domanda: si è madre e padre solo quando a nostro figlio abbiamo trasmesso il nostro corredo cromosomico? In altre parole, si è madre e padre solo se il figlio è nato dalla coppia dei genitori? Come sanno tutti, le cose sono più complesse. I bambini adottati hanno un padre e una madre, a pieno titolo. Ed essi non sono meno genitori di altri solo perché il loro bambino è stato adottato. Bisogna tenere a mente questo concetto elementare per comprendere il senso del quarto referendum, che, per l’appunto, vuole consentire la fecondazione assistita anche utilizzando gameti (spermatozoi nel caso degli uomini e ovociti nelle donne) di donatori esterni alla coppia. Se in una coppia la donna accetta di usare il seme di un donatore, vietare questo tipo di fecondazione ha solo due sbocchi: impedire per sempre a quella donna di partorire o costringerla, sempre che disponga dei mezzi economici necessari, a recarsi in uno qualsiasi dei paesi dove la fecondazione eterologa è consentita. Perché vietare quello che in tutti i principali paesi europei è consentito e che era consentito anche in Italia, nei centri privati specializzati, fino all’approvazione di questa legge?

Personalmente penso che votare Si non significa solo seguire i propri valori, il proprio modo di pensare ed in questo caso di essere dotati di elasticità mentale , ma di saper prendere le proprie scelte, di agire in maniera amorevolmente responsabile.
Ognuno dice la sua, ognuno sarà libero di recarsi o meno ai seggi, ma come ricordo di aver sentito sere fa in una trasmissione da Barbara Pollastrini , responsabile del Comitato per il SI: “Non recarsi a votare , significa rinunciare,aver paura del futuro.”
Io la condivido pienamente.

PERCHE’ NO….

Limite alla ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni
SCHEDA CELESTE

1. Il primo referendum denominato dai promotori con parole ingannevoli, “per consentire nuove cure per malattie come l’Alzheimer, il Parkinson, la sclerosi, il diabete, le cardiopatie, i tumori”, chiede che sia lecito e possibile eliminare l’embrione mediante: la sperimentazione distruttiva; la clonazione; la crioconservazione.

La raccolta delle firme è stata effettuata con l’inganno perché ad oggi non esiste in tutto il mondo un solo caso in cui malattie dell’adulto siano state guarite usando cellule estratte dall’embrione in provetta. Al contrario negli esperimenti su animali le cellule staminali embrionali si sono rivelate cancerogene. Viceversa grandi traguardi ha compiuto la scienza usando le cellule staminali dei tessuti “adulti”.

Perciò il vero quesito è:

Vuoi tu che i figli esistenti in una provetta siano usati come cavie?
Vuoi tu che un essere umano possa essere ucciso per trovare dei farmaci che potrebbero guarire un altro essere umano?
Vuoi tu che le risorse intellettuali ed economiche impegnate con successo a guarire gravi malattie con successi già realizzati ed altri che prevedibilmente possono essere conseguiti in tempo non lungo siano distolte per ricerche altamente inutili e che comunque per ottenere un risultato eventuale esigano l’attesa di molti anni?
Vuoi tu che molti embrioni siano distrutti nelle operazione di congelamento e scongelamento?
Vuoi tu aprire la strada alla clonazione?

Norme sui limiti all’accesso
SCHEDA ARANCIONE

2. Il secondo quesito denominato dai promotori con parole ingannevoli “per la tutela della salute della donna”, chiede: che alla fecondazione artificiale si possa ricorrere anche se non c’è la prova della sterilità nella coppia e, ove questa sia la causa della richiesta, anche senza aver tentato prima la cura in altri modi; che la donna possa legittimamente rifiutarsi di accogliere il figlio lungamente desiderato, dicendo di no al trasferimento in utero dell’embrione nei due o tre giorni successivi alla sua formazione; che sia possibile la selezione degli embrioni; che si possa generare in una sola volta un numero illimitato di embrioni; che sia permessa la crioconservazione.

Le firme sono state raccolte con un po’ di inganno perché la Pma è sempre carica di rischi non solo fisici, ma anche psicologici per le donne, cosicché porre dei limiti corrisponde anche al bene di lei. Questo referendum, a differenza del successivo, non chiede l’abrogazione dell’intero articolo uno, cosicché la vittoria dei “si” lascerebbe in piedi l’affermazione che la legge intende garantire “i diritti di tutti i soggetti coinvolti compreso il concepito”, ma lo svuoterebbe di contenuto perché ne eliminerebbe le conseguenze, consentendo l’uccisione diretta e volontaria degli embrioni. Dicono che la selezione degli embrioni è indispensabile per eliminare quelli malati, ma non dicono che per sapere se un figlio concepito in provetta è portatore di una malattia ereditaria bisogna distruggere anche altri embrioni sani.

Perciò il vero quesito è:

Vuoi tu che si decida di guarire le malattie sopprimendo i “malati”?
Vuoi tu che per scoprire un embrione malato ed eliminarlo si possano distruggere altri embrioni sani?
Vuoi tu che si possa ricorrere alla Pma anche se non c’è una sterilità e non sono stati tentati altri metodi per curarla?
Vuoi tu che per far nascere un bambino si distruggano deliberatamente e direttamente altri figli concepiti in provetta?
Vuoi tu che sia considerata una scelta giusta il rifiuto della donna di ricevere un figlio-embrione dopo che è stato lungamente cercato e formalmente richiesto esercitando una completa autodeterminazione?

Norme sulla finalità, sui diritti dei soggetti coinvolti e sui limiti all’accesso
SCHEDA GRIGIA

3. Il terzo referendum per le quale le firme sono state raccolte con il titolo, non sincero, “per l’autodeterminazione e la tutela della salute della donna” è identico la secondo referendum. In aggiunta chiede soltanto che siano negati i diritti di tutti i soggetti coinvolti nella Pma, che invece sono assicurati dall’articolo 1 della L. 40/04.

Per questo referendum si può ripetere quanto già detto a proposito del secondo referendum.

In aggiunta si osserva:

Il titolo non è sincero perché “l’autodeterminazione” non equivale alla totale volubilità. La coppia (non solo la donna!) si è già autodeterminata al momento della generazione dell’embrione. Tutte le circostanze sono state già seriamente e a lungo soppesate. La legge non costringe la donna a ricevere l’embrione, ma si limita a dire che non è cosa giusta rifiutarlo.
Cancellare i diritti di tutti i soggetti coinvolti non significa escludere solo quelli del concepito, ma anche quegli degli aspiranti genitori. L’ideologia che non vuol vedere un essere umano nel concepito è arrivata a non vedere nemmeno i diritti dei già nati.

Divieto di fecondazione eterologa
SCHEDA ROSA

4. Il quarto referendum denominato dai firmatari “per la fecondazione eterologa” chiede soltanto di eliminare il divieto di procreazione eterologa.

Se tale quesito venisse approvato verrebbe legalizzato non il “dono” dello sperma e dell’ovocita, ma l’abban-dono di un figlio da parte di chi lo ha generato con violazione della regola costituzionale secondo cui “i genitori devono mantenere i figli”. Vi sarebbe il rischio di un rifiuto di un figlio da parte di colui, assai spesso l’uomo, che non lo ha generato. Verrebbe impedito il diritto del figlio di conoscere le proprie origini, ciò che talvolta è importante, non solo per ragioni psicologiche, ma anche per ragioni mediche. L’adozione non può essere presa ad esempio, perché essa è finalizzata a dare genitori a chi non ne ha, non a dare un figlio a chi non ne ha e perché è un rimedio ad un male -l’abbandono di cui un bambino è vittima- non la soluzione ideale; mentre nella Pma eterologa si ordina l’abbandono di un figlio per darlo ad altri.

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.