Lettera di un ragazzo ospite di una comunità penale-parte seconda

maio perchè a scuola mi prendono ingiro e dicono come non ai il padre e io e mia madre mi spiegò tutto e mi disse che io il padre non ce lo però s elo vuoi rintracciare ti dò il numero di telefono io tutto contento gli dissi si dammelo e me lo diede e io subito andai a telefonare pensate avevo 9 anni e chiamai rispose la moglie io subito dissi passatemi a mio padre lei disse str… ma chi sei io stavo male e piangevo e gli dissi per piacere passatemi a mio padre e lei mi disse va fa…. e mi staccò il telefono in faccia ma ne andai a casa piangendo perchè volevo conoscere mio padre mia madre disse cosa e successo io gli risposi tutto male mi anno trattato male e lui non cera, io però non mi arresi dopo 2 giorni disse mia madre mi dai un altro numero lei mi diede il numero di cellulare suo io di nuovo subito andai a telefonare e rispose lui io dissi papà lui disse ma chi sei e io sono tuo figlio lui dei miei sentimenti che avevo per lui mi disse ma quale figlio io non ti sò ti odio e non telefonare più e staccò il telefono, poi io telefonavo ancora fino ad arrivare al mio scopo di incontrarlo e lo incontrò e mi diede appuntamento al duomo alle ore 5 di pomeriggio lui stava dalle 5-10 e io dalle 3 però non lo conoscevo e per vedere dove stava chiamò e senti il suo telefono don un signore andai vicino e dissi vai siete mio padre lui si purtroppo sono io tuo Padre mi portò a mangiare un gelato e mi diede 10 mila lire io dissi non li voglio i soldi ma voglio te e mi spiegò che lui era sposato e aveva 3 figli io dissi portami per un pò a casa tua lui dopo 4 mesi mi poetò ma io sofrivo percgè quando veniva la sua famiglia mi annoscendevo nel ces.. e io dicevo perchè la moglie mi cacciò dalla casa e io da allora persi la testa ed ora mi trovo qui al carcere di…..ma verra il giorno che gli e la farò pagare ora vi saluto a domani.

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.