La libera espressione – Dott.ssa Norma Audetto(Psicopedagogista)

Le esigenze dei bambini in età prescolare vengono particolarmente soddisfatte dalle attività di drammatizzazione. Nella drammatizzazione si ritrova la possibilità di manifestare liberamente le proprie capacità, e si ritrovano tutte le forme possibili di comunicazione: verbale, mimica, gestuale, grafica.
Se si osservano i giochi spontanei dei bambini, è possibile constatare che spesso altro non sono che momenti di drammatizzazione. Da questa osservazione emerge che, per i bambini in età prescolare, la drammatizzazione parte proprio dal gioco simbolico, per poi inserire sullo stesso (con stimoli e materiali forniti dagli adulti) una comunicazione più ampia ed articolata, collettiva e socializzante.
Drammatizzare significa agire con l’immaginazione sulla realtà dei protagonisti, usando strumenti differenti di espressione. Poichè nel gioco simbolico si esprime la realtà interiore del bambino, è molto utile per i genitori e gli educatori imparare ad osservare con attenzione i giochi spontanei dei bambini, senza intervenire.
Per Piaget, infatti, il gioco simbolico rappresenta per il bambino il mezzo privilegiato di espressione e di apprendimento, che lo porta ad interpretare la realtà attraverso il linguaggio rappresentativo, basato sui propri bisogni; Piaget, inoltre, considera il gioco simbolico come lo strumento liberatorio dei conflitti affettivi vissuti dai bambini, come un canale di soddisfacimento dei propri bisogni, come espressione di crescita.
Di conseguenza, se gli adulti impareranno ad osservare i giochi dei bambini potranno individuarne i desideri, le paure, i sogni più nascosti, ed interagire con i piccoli in modo responsabile.

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.