La lettura creativa

Nelle scuole primarie la lettura animata si prefigge i seguenti obiettivi:

Sviluppare le capacità di ascolto.

Osservare, confrontare e verbalizzare.

Comprendere il significato globale di un testo e individuarne gli elementi caratterizzanti.

Potenziare le capacità creative ed espressive.

Sviluppare la capacità di interagire, collaborare e negoziare con gli altri.

Nella scuola secondaria di primo e secondo grado la promozione della lettura tende a rafforzare il gusto e la passione per i libri in un’età in cui capita spesso che i ragazzi, per rivendicare la propria autonomia, smettano di leggere. Sovente l’animazione alla lettura è un metodo efficace per interessare quegli studenti che non hanno ancora maturato il desiderio di leggere e incoraggiarli a diventare lettori autonomi e consapevoli.

I preadolescenti trovano insufficiente la lettura tipica dell’età infantile, tutta volta all’immaginario fantastico proiettivo, e pur sentendo ancora forte la necessità di uno scenario suggestivo e avventuroso, ricercano il modo di leggere più introspettivo e consapevole dell’età adulta.

I ragazzi cercano libri che parlano di loro, dei dubbi e dei problemi tipici dell’adolescenza, in modo da soddisfare la propria curiosità.

Come ricorda Roberto Denti, noto autore di libri per ragazzi:

“la nascita del lettore non avviene consigliando i libri che piacciono agli adulti ma offrendo ai ragazzi la possibilità di scegliere tra libri diversi.”

Fondamentale è la lettura ad alta voce.

Leggere ad alta voce

Fondamentale è la lettura ad alta voce da parte di un adulto.

Questa attività, che deve essere svincolata da esercizi d’interrogazione o di riassunto, ha lo scopo di affinare la sensibilità e la disponibilità all’ascolto attirando la curiosità dei ragazzi verso i libri. Leggere ad alta voce significa trasmettere le nostre emozioni.

Da un punto di vista pedagogico si tratta di una concreta esperienza di ricezione creativa condivisa.

Fonte:

http://www.letturacreativa.com/Letturacreativa.html

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.