Requisiti essenziali di sicurezza per giocattoli

II. Rischi particolari

1. Proprietà fisiche

a.I giocattoli, le loro parti e i loro ancoraggi devono possedere la resistenza meccanica ed eventualmente la stabilità necessaria per non rompersi o deformarsi durante l’uso con il rischio di provocare ferite.

b.Gli spigoli, le sporgenze, le corde, i cavi, gli ancoraggi e le parti mobili dei giocattoli devono essere progettati in modo tale da ridurre per quanto possibile i rischi di ferite.

c.I giocattoli, i loro componenti e le parti staccabili destinati ai bambini di età inferiore a 36 mesi devono avere dimensioni tali da non poter essere ingeriti o inalati.

d.I giocattoli, le loro parti e gli imballaggi non devono comportare rischi di strangolamento o soffocazione.

e.I giocattoli destinati a reggere o a sostenere il bambino nell’acqua devono comportare il minor rischio possibile che la galleggiabilità e il sostegno dato al bambino vengano meno.

f.I giocattoli che costituiscono uno spazio chiuso devono essere muniti di un’uscita facilmente apribile dall’interno.

g.I giocattoli destinati a conferire mobilità devono essere muniti nella misura del possibile di un sistema di frenaggio sicuro e di facile utilizzazione, adeguato all’energia cinetica sviluppata dal giocattolo. Tale sistema deve essere concepito in maniera tale da poter essere azionato facilmente e senza comportare rischi di sbandamento.

h.I giocattoli muniti di un dispositivo di lancio devono essere concepiti in maniera tale che il rischio per l’incolumità fisica dell’utilizzatore e dei terzi causato dai proiettili o dalla forza cinetica sviluppatasi con il loro lancio sia il minore possibile.

i.I giocattoli muniti di elementi termici devono essere concepiti in maniera tale che:

la temperatura massima di tutte le superfici esterne accessibili non causi ustioni in occasione di un contatto;

eventuali fuoriuscite di liquidi, vapori o gas non raggiungono una temperatura e una pressione tali da causare ustioni o altri danni corporali.

2. Infiammabilità

a.I giocattoli devono essere costituiti unicamente da materiali che:

non brucino sotto l’azione diretta di una fiamma, di una scintilla o di qualsiasi altra possibile sorgente di ignizione;

siano difficilmente infiammabili, vale a dire che il fuoco si spenga non appena la sorgente di ignizione è soffocata;

una volta accesi brucino lentamente e permettano unicamente una lenta propagazione del fuoco;

rallentino il processo di combustione.

Le sostanze infiammabili di cui al capoverso 1 non devono comportare alcun rischio di ignizione per altre sostanze impiegate per la confezione del giocattolo.

b.I giocattoli che contengono sostanze o preparati pericolosi quali materiali per esperimenti chimici, modellistica, modellaggio, smaltatura, fotografia o per altre attività analoghe, non devono contenere sostanze o preparati che possono divenire infiammabili a seguito della liberazione di componenti volatili non infiammabili.

c.I giocattoli non devono comportare rischi di esplosione né contenere elementi o sostanze che possano esplodere. Fanno eccezione gli inneschi a percussione destinati specialmente ai giocattoli.

d.I giocattoli, ed in particolare i giocattoli chimici (scatole per esperimenti chimici e simili), non devono contenere sostanze o preparati che:

in caso di miscelazione possono esplodere per reazione chimica, per riscaldamento o per miscelazione con sostanze ossidanti; oppure

contengono componenti volatili e infiammabili a contatto con l’aria e tali da formare miscele di aria-vapore infiammabili o esplosive.

3. Requisiti chimici

a.I giocattoli devono essere progettati e fabbricati in modo tale da non comportare rischi per la salute o per l’incolumità fisica in seguito a ingestione, inalazione o contatto con la pelle, le mucose o gli occhi.

b.La tolleranza biologica giornaliera delle sostanze qui di seguito elencate relativa all’utilizzazione di giocattoli non deve oltrepassare i seguenti limiti

L’UFSP può fornire istruzioni provvisorie alle autorità esecutive cantonali relativamente alle restrizioni applicabili alla tolleranza biologica di altre sostanze, fino alla modifica della presente ordinanza da parte del Dipartimento federale dell’interno, nella misura in cui sono necessarie misure immediate per la protezione della salute. Tali istruzioni sono pubblicate sul Foglio ufficiale svizzero di commercio.

I giocattoli o le parti di giocattolo non devono contenere più di 5 mg/kg di benzolo biodisponibile.

I giocattoli non devono contenere sostanze o preparati pericolosi ai sensi dell’articolo 2 capoverso 2 della direttiva 67/548/CEE del 27 giugno 19672 e dell’articolo 3 della direttiva 99/45/CE del 31 maggio 19993 in quantità che possano nuocere alla salute dei bambini che li usano. L’UFSP può autorizzare l’impiego di maggiori quantità di tali sostanze o preparati, qualora ciò si renda indispensabile al funzionamento di un giocattolo. Esso limita nel tempo l’autorizzazione e la pubblica nel Foglio ufficiale svizzero di commercio.

Sono fatte salve le prescrizioni dell’ordinanza del 18 maggio 20054 sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici.

I giocattoli non devono contenere più dello 0,1 per cento in massa (valore limite addizionato) dei seguenti esteri dell’acido ftalico: ftalato di bis(2—etilesile) (DEHP6), ftalato di dibutile (DBP7) e ftalato di butilbenzile (BBP8).

I giocattli che possono essere messi in bocca dai bambini non devono contenere più dello 0,1 per cento in massa (valore limite addizionato) dei seguenti esteri dell’acido ftalico: ftalato di diisononile (DINP10), ftalato di diisodecile (DIDP11) e ftalato di diottile (DNOP12).

4. Proprietà elettriche e termiche

a.La tensione nominale di alimentazione dei giocattoli elettrici e di ogni parte di essi non deve superare i 24 volt.

b.Le parti di giocattoli che sono o possono essere in contatto con una sorgente di elettricità capace di provocare una scossa elettrica devono essere ben isolate e meccanicamente protette. La stessa regola si applica ai cavi e ad altri fili conduttori attraverso i quali l’elettricità perviene a tali parti.

c.I giocattoli elettrici devono essere fabbricati in maniera tale da non causare ustioni in occasione di un contatto con le superfici esterne direttamente accessibili.

d.Per il resto si applicano le disposizioni dell’ordinanza del 9 aprile 199713 sui prodotti elettrici a bassa tensione.

5. Igiene

I giocattoli devono essere progettati e fabbricati in modo da evitare pericoli di infezione, malattia e contagio.

6. Radioattività

I giocattoli non devono contenere nuclidi o sostanze radioattive sotto forme o proporzioni che possono nuocere alla salute del bambino. Oltre a ciò sono applicabili le disposizioni dell’ordinanza del 22 giugno 199414 sulla radioprotezione.

Fonte:

http://www.admin.ch/index.html?lang=it

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.