Haiti, crolla una scuola: vittime

L’edificio crollato ospitava un asilo, una scuola primaria e una secondaria. “I soccorritori hanno lavorato tutta la notte per estrarre otto corpi tra le macerie”, ha dichiarato alla France Press Nadia Lochard, responsabile dell’ufficio della protezione civile di Haiti. Sul posto sono già attivi ingegneri della Minustah, la missione Onu a Haiti, e uomini della Croce Rossa locale. Peacekeeper dell’Onu e poliziotti sono impegnati a tenere lontana la folla di curiosi e parenti di ragazzi convolti nel crollo per impedire che ostacolino i soccorsi. La vicina Repubblica Domenicana ha promesso l’invio di due elicotteri.

Ancora non sono chiare le cause del crollo. Gli abitanti sospettano che la scuola sia stata ricostruita con materiale scadente dopo un parziale collasso avvenuto anni fa. Il primo piano della scuola “Promesse” è crollato intorno alle 10 (le 16 italiane), mentre gli allievi erano in classe.

Il presidente haitiano René Preval e il capo del governo Michele Pierre-Louis si sono recati sul posto per constatare i danni. L’istituto ospita i bambini dai 3 ai 20 anni in grande maggioranza provenienti dalla baraccopoli. Incastrata tra le case della zona, la costruzione in muratura sorgeva su due piani, mentre un terzo era in costruzione.

Fonte:http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo432471.shtml

Articolo segnalato ed inviato alla redazione dalla Dott.ssa Carmen Melfi

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.