Relatrice e Autrice a confronto: Intervista a Milena Piccolo

Ho scelto il genere “romanzo rosa” per fare un omaggio all’amore con la A maiuscola di cui sono rimasta sempre affascinata; quell’amore che considero la colonna della vita, in quanto capace di trasformare con la sua luce una persona dia dentro che fuori.

Perché il titolo “Ricchezza e povertà”?

Ricchezza e povertà sono i due mondi che fanno da sfondo all’intero romanzo, l’uno fatto di sfarzi, lussi e divertimenti, l’altro di lotta per la sopravvivenza. Due mondi dissimili e lontani, ma che trovano un punto di incontro e si uniscono piegandosi alla forza ed alla potenza dell’amore.

Goffman-sociologo canadese-parla di “approccio drammaturgico”:noi siamo attori della nostra vita, la nostra storia è su di un palcoscenico, pensi che si possa essere anche autori della propria vita?

Secondo me, si, un uomo può essere l’autore delle pagine della propria vita,se possiede una forte personalità tale da riuscire a fare delle scelte coraggiose, a difendere i propri ideali, ad avere la forza di uscire da momenti bui, a godere delle gioie più semplici che la vita gli ha donato, come l’amore ed il calore di una famiglia.

….un altro libro?

Assolutamente si, perché ritengo che le passioni debbano essere coltivate.Sto scrivendo il mio secondo romanzo che tratta d’amore, il filo conduttore questa volta è la fede cristiana, indispensabile compagna per l’uomo che vuole vivere nella serenità.

Intervista fatta da Emanuela Cimmino a Milena Piccolo

www.eduprof.it

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.