Festival Vulnerabile, per il teatro sociale

La manifestazione – ha spiegato Riccardo Vannuccini, direttore artistico del Festival ha proposto una rassegna inedita e originale per il tema trattato che ha offerto l’opportunità di osservare uno spaccato di realtà di arte sociale: teatro e handicap, musicoterapica, teatro e anziani, teatro nei centri antiviolenza e ancora, teatro e immigrazione, teatro e carcere ,teatro e periferia, arte-terapia, teatro nelle zone di guerra, teatro e scuola, teatro laboratoriale.

Il Festival Vulnerabile ha interpretato il teatro come processo esperienziale realizzato dal cittadino debole e dall’ escluso, per questo tutti gli spettacoli hanno riguardato il mondo del disagio sociale.
Un motivo – ha chiarito Vannuccini – per raccontare il tema dell’ Altro e dell’ incertezza umana al tempo della globalizzazione, ovvero un azione che ha saputo mettere alla prova e in scena un felice passaggio teatrale, dall’ escluso all’ incluso .

Sono previsti workshop aperti, lezioni e dimostrazioni di metodo dei diversi gruppi impegnati. Il teatro in tal modo si è coniugato con altre discipline della conoscenza come la filosofia, la sociologia, l’ antropologia.

Il teatro vulnerabile è stato dunque un teatro attuale che ha raccontato l’essere umano che ha accettato la propria vulnerabilità. Ovvero, attraverso la performance, si è raccontato l’essere umano, la unicità e la singolarità del suo essere, e la sua permanente relazione con l’altro. E in questo si è fondato il senso ontologico dell’esperienza umana.

ArteStudio è una Associazione culturale riconosciuta che lavora professionalmente nel campo della cultura e del sociale da quasi trenta anni collaborando continuativamente con diversi Enti e Amministrazioni tra cui il Comune e la Provincia di Roma, l’ Università Roma Tre e l’ Università La Sapienza di Roma, la Regione Lazio, la Provincia e l’ Università di Viterbo, l’ Unione Europea, il Comune di Milano, il Ministero della Cultura e il Ministero della Giustizia.

Dott.ssa Daniela Campoli

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.