Piazza di democrazia partecipata

La Radio che in diretta ha trasmesso musica da sottofondo, voce regia della serata Enzo Aurino, responsabile Alessandra Romano, direttore tecnico artistico Filippo Di Nardo che ha già in mente un palinsesto; quella di questa sera una Melitonline festeggiata.Tante le emozioni lette sui volti dei soci, a partire dal Presidente Antonio Caiazza, la direttrice Roberta Cibelli, la vice direttrice Adele Pianese che hanno raccontato come Melitonline sia nata per caso, facendo una ricerca scolastica sulla storia del paese e non avendo trovato nulla, lui, l’artefice, l’admin, Tonino online, come viene definito dagli amici, ha ideato, prodotto il sito che è diventata testata giornalistica ed associazione culturale.La cultura che passa attraverso l’informazione, e la sede vuole essere proprio un laboratorio di confronti, di scambi culturali, di promozione, una piazza di democrazia partecipata e partecipativa, un’informazione globale che arriva a tutti gratuitamente attraverso il mondo del web.L’inaugurazione è stata occasione per conferire la carica di soci onorari alSindaco della città di Melito Dott.Antonio Amente , Don Italo Mastrolonardo parroco della città di Melito, Pietro Fiano comandante della tenenza dei carabinieri di Melito, Salvatore D’Onofrio maestro di pittura, Antonio Jossa Fasano autore del libro “Melito nella storia di Napoli”, Angelo Napolano emblema di cittadinanza attiva e di impegno civico, Mario Trevi noto interprete della canzone napoletana.Presenti illustri esponenti e rappresentanti istituzionali: l’On. Salvatore Ronghi vice Presidente del Consiglio Regionale, Marcello Curzio Editorialista di Provincia Oggi, la direttrice di Canale 8 Dott.ssa Serena Albano, diverse associazioni dell’Ambito: Sociale in rete onlus, Le Ali, la protezione civile La Talpa che ha contribuito con il compito e ruolo di “servizio d’ordine”, rappresentanti della Croce Rossa, Domenico Di Renzo con Senza Barriere, e perfino i più piccoli, i bambini che attratti un po’ dalle luci un po’ dai dolci sedutosi nella stanza adiacente alla cabina Radio, sono stati non solo spettatori partecipativi ma sono diventanti tempestivi spunti per la realizzazione di progetti educativi.E da domani Melitonline e Radio Attiva si impegnano perché la sede possa essere un laboratorio di idee, di proposte e di percorsi facilmente e sicuramente realizzabili attraverso la rete di associazioni territoriali e dell’ambito con le quali si intende stipulare accordi di cooperazione e di progettualità condivisa e civile.Emanuela Cimmino

Stampa

Educatrice Professionale e Criminologa.
Lavora per il Ministero Della Giustizia come Funzionario giuridico pedagogico. Redattrice del portale Eduprof.it dal 2003 ad oggi ed autrice di numerosi articoli sul tema pedagogico/criminologico.