Interviste e Recensioni

Premio Letterario Un monte di Poesia 2010 è giunto alla sua quinta edizione, in collaborazione con l’Accademia V.Alfieri di Firenze, diversi i temi e tanti gli autori premiati con uno sguardo particolare rivolto alla sezione giovani e bambini, poeti ed autori in erba. Si è svolta così-in occasione della Festa dell’autunno, presso il Centro Giovani del Comune di Abbadia San Salvatore (SI) il fine settimana del 9-10 ottobre la cerimonia di premiazione.
Presente anche il poeta Massimo Pinzuti, noto per le sue musiche e per essere stato l’autore del libro “Frammenti” in veste di organizzatore del concorso stesso e come intrattenitore musicale durante lo svolgimento degli eventi legati alla premiazione.

Musica, poesia e momenti di festa, un Monte di Poesia 2010, può dirci qualcosa in merito all’organizzazione ed alla finalità?

“Un Monte di Poesia”, è il titolo del concorso letterario. Perché “Un monte di poesia”? E’ uno strano gioco di parole che parla di montagna e di tanta, tanta poesia. Se poi immaginiamo il tutto collegato alla Festa dell’Autunno, abbiamo un bellissimo quadro che parla di festa e di eventi culturali insieme, dove ognuno può esprimere la propria arte e nello stesso tempo liberamente godere di tutto ciò che viene presentato in quell’occasione: mercatini, prodotti locali, musica per le piazze e caldarroste che cuociono sopra la brace

E’ prevista per il 29 ottobre’10 presso la libreria Evaluna Piazza Bellini, Napoli ore 21:30 la presentazione del cd Scantu ad opera del gruppo I Marenia.
Il gruppo nasce dall’incredibile incontro tra la simpatia e la bellezza mediterranea, tra il suono di una chitarra da sempre amica ed una voce soave, tra una personalità estroversa ed una inconfondibile dolcezza; I marenia nascono dall’incontro tra Maria Ylenia Trozzolo e Lello Cardone, a Copanello nel 1993 durante una manifestazione musicale. Fautori di ciò che oggi è un importante associazione culturale musicale Illimitarte, hanno fatto della musica un sogno diventato realtà, progetto, scudo di bene e di amore.

Da un incontro magico, sono nate tantissime iniziative :Il loro impegno sociale, antirazzista, contro le mafie, contro la violenza fa dell’arte libera e la cultura, il principale motore delle loro vite.

Siamo lontani anni luce dalle imposizioni e della logiche del mercato discografico, ma attraverso questo acquisto sosterrai le nostre attività artistiche direttamente, senza la solita filiera che porta non alla libertà artistica e culturale ma all’appiattimento del gusto e delle proposte per ridurre il “rischio d’impresa” ed aumentare il (loro) fatturato.

In questi anni abbiamo fondato l’Associazione illimitarte che fa aggregazione giovanile, antirazzismo, lotta alle mafie ed alla xeonofobia, alla violenza e all’omofobia, creato l’AWOP Festival che in tre edizioni ha permesso ad oltre 1500 artisti di lanciare un messaggio di pace ed antirazzismo, fornito didattica musicale sociale (www.studiaremusica.com), ideato i Bidonvillarik e molto altro ancora.

Sostienici, perchè solo liberi dai vincoli discografici, l’arte esisterà per sempre e non finché vende
Il 29 ottobre la presentazione del Cd Scantu alle ore 21.30

Luogo: evaluna libreria cafe’ piazza bellini 72 – vico s.pietro a maiella 6 Napoli, Italy

www.marenia.net
Ass.culturale musicale Illimitarte

Legato alle sue radici, alla sua terra, Massimo Pinzuti, poeta, musicista, cantautore, compone poesie echeggianti storie d’amore, lasciando il lettore-ascoltatore, immaginare il paesaggio toscano caratterizzato da colline, valli e scenari da dipinti.
Massimo Pinzuti è noto -nel territorio fiorentino e non solo- per aver partecipato a diversi spettacoli teatrali e feste di piazze.
La sua musica -poetica- soave-dolce è stata da sottofondo a colonna sonora delle molte manifestazioni dell’Accademia Alfieri.

Emozioni, vibrazioni, attesa, coinvolgimento, voci a squarciagola di chi per una sera da una postazione alta o con la fortuna di essere vicini, vive un concerto.
Il concerto del suo gruppo preferito, del cantante del quale ha la stanza tappezzata di poster e si fa a gara con gli amici a chi ha più cd, il concerto di colui che con timbro e passione, è capace di trasmettere sensazioni scatenati e fare immaginare quanto passa attraverso la musica, la voce.
Quelli sotto al palco: fan giovani ed adulti, che acclamano, applaudono, assieme-coivolti-in sintonia con il contesto che si fa spettacolo, magia e gioco di luci, rappresentazioni sonore, quelli sotto al palco che pagano caro il biglietto ma sono felici, quelli sotto al palco che indossano la maglia che porta stampato il nome del cantante per immortalare il momento, fotografia, riprese di quelli sotto al palco, emozioni al microfono per una volta un articolo, un’intervista rivolta a quelli sotto al palco.

Parlaci un po’ di te delle tue grandi passioni .

Probabilmente ero una “predestinata”!
Ero piccolina e già cantavo in un coro “I piccoli cantori di Milano” diretti da Ninì Comolli che ancora oggi accompagnano le sigle di Cristina D’Avena e Giorgio Vanni. A 11 anni avevo due grandi passioni: la danza e la recitazione! Così senza aver mai studiato ho tentato l’audizione per entrare alla Scala di Milano. Ma dopo aver passato le prime due selezioni e dopo un mese di lezioni giornaliere, mi hanno scartato. In compenso Giorgio Streheler mi ha scelta fra 600 bambini per recitare nella “Bambola Abbandonata” alla Piccola Scala di Milano. Il mio destino era segnato.

E’ la cultura che parla all’evento A world of peace, giunto alla sua terza edizione.
La cultura libera con i suoi tanti canali comunicativi: musica, pittura, danza, teatro, mimo, conversazione creativa e cooperativa, mondi diversi, completi, globali, ricchi ed affascinanti che insieme vogliono parlare di pace, di amore, di fratellanza contro ogni forma di diversità e di disuguaglianza.
La cultura che si fa portavoce del diritto più grande, quello della libertà di espressione, di vivere dignitosamente; la piazza Maione, il palazzo Barone,la biblioteca comunale, anche quest’anno rappresentano luoghi di incontro, di crescita, di festa culturale, dove è possibile apprendere, imparare, conoscere, formarsi attraverso una cultura in movimento.
Valori che suonano, ballano, parlano, espressioni sotto le stelle o sotto un cielo nebbioso, che vogliono essere rappresentativi per il modo con i quali le associazioni partecipanti si stanno preparando.

Ad essere portavoce dell’evento-incontro, è l’Associazione culturale-musicale Illimitarte, alla quale abbiamo posto alcune domande.

E’ stato un pomeriggio particolarmente interessante quello del 26 maggio presso la biblioteca di Villaricca, per l’appuntamento ormai consueto del Caffè con l’autore, le associazioni organizzatrici hanno incontrato G. Branca e F. D’Avino giovani autori di On/off.

Condivisione, letture colorate ed alimentate come sempre dalla musica del maestro Lello Cardone. Incantevole l’interpretazione di Marta Michetti che vestita a lutto, ha voluto con la sua sensibilità comunicare la perenne distorsione dell’informazione

17.05.10 Villaricca Ed è giunta alla settima edizione la Serata di Gala che ha come protagonista “Il racconto nel cassetto”.
Da anni l’Associazione Libera Italiana Onlus (ALI) di Villaricca, in collaborazione con la casa editrice Cento Autori si impegna con passione e credibilità per un evento che non è semplicemente un’occasione per far festa in senso di festeggiare la cultura, ma occasione per esprimere ed esprimersi attraverso la musica, la danza, la poesia, la fiaba ed ovviamente il Racconto con tutte le sue forme, dalle filastrocche e sonetti ai romanzi, dai racconti per bambini a saggi, da satira a letteratura popolare.
Contesto per dare a tutti,anche a coloro che non scrittori di professione, di sentirsi liberi e fantasiosi del comunicare sogni, speranze, valori, sensazioni, sentimenti, attraverso personaggi e luoghi ora vissuti ora inventati.
Anche quest’anno location del Racconto nel cassetto saranno i saloni di Villa Holiday di Calvizzano.
Ad accogliere i partecipanti alla serata di Gala attivi saranno la giornalista Rai Roberta Ammendola, il conduttore della trasmissione radioRai “Ho perso il trend” Ernesto Bassignano, il responsabile dei servizi giornalistici della sede Rai di Napoli Massimo Milone, lo scrittore Massimo Cacciapuoti, il tenore Francesco Malapena ed il musicista Massimiliano Gagliardi

Ad un mese circa dalla sua ripresa continua con grande successo Il caffè con l’autore, percorso di animazione culturale interattiva che con enfasi e coinvolgimento partecipativo – trasforma la Biblioteca di Villaricca in location di confronto e crescita non solo socio culturale ma personale, colmando la propria integrità cognitiva -comportamentale e perfino professionale.
Cognitiva in quanto consente apertura mentale, confronto e capacità di negoziazione se non di elaborazione di contenuti argomentativi per poi esporli-comunicando al gruppo presente,comportamentale in quanto Un caffè con l’autore permette di mettersi in discussione ascoltando, interiorizzando l’opinione dell’altro con stile di conservazione ed atteggiamento assertivo, atteggiamento sincero e culturalmente predisposto all’accoglienza dell’altro diverso per ciò che ha da raccontare e condividere; professionale perché grazie al Caffè con l’autore si cresce e si cambia allontanandosi da pregiudizi, da polemiche e schemi rigidi, perché ci si forma attraverso una cultura che comunica alla gente cittadina assieme ai professionisti del fare cultura in maniera diversa.